L'arte del diritto

Lo Studio Legale Avv. Giuseppe Iannaccone e Associati è un’associazione professionale specializzata nel diritto commerciale e societario, con particolare riferimento al contesto della crisi d’impresa. Nel corso degli anni lo Studio ha sviluppato una profonda specializzazione anche nell’ambito del diritto penale finanziario, societario, tributario e fallimentare, ponendosi come punto di riferimento in Italia per il settore dei “White collar crimes". Nel panorama italiano, lo Studio Legale Avv. Giuseppe Iannaccone e Associati si distingue per la capacità di offrire al cliente un’assistenza legale estesa ad ogni profilo, sia civile che penale, dell’attività di impresa.
 

Premi

Premio Le Fonti 2016 - Giuseppe Iannaccone Avvocato dell’Anno Diritto Penale

Per l’eccellenza che distingue ogni sfaccettatura del suo operato, per la capacità di gestire con maestria non solo processi penali, ma anche fallimentari, societari e fiscali, accreditandosi come un riferimento per il mercato, i clienti ed i colleghi, sia nei confronti dei principali istituti finanziari che per la consulenza alle imprese, assicurando un’assistenza completa in tutte le fasi più delicate dell’attività economica. 

Guarda il video

Guarda la video notizia

Focus on

Confisca di prevenzione, terzi di buona fede e domanda di ammissione del credito ex legge n. 228 del 2012 (c.d. Legge di Stabilità 2013)​.

Riccardo Lugaro, socio dello Studio Legale Giuseppe Iannaccone e Associati, commenta sulle pagine di Giurisprudenza penale Web il tema della Confisca di prevenzione, terzi di buona fede e domanda di ammissione del credito ex legge n. 228 del 2012 (c.d. Legge di Stabilità 2013)​. 

CASSAZIONE PENALE, SEZ. I, 17 MAGGIO 2016 (UD. 12 FEBBRAIO 2016), N. 20479  DI TOMASSI Presidente - SANDRINI Relatore

La sentenza in commento torna ad affrontare l’istituto della domanda di ammissione del credito introdotto nel nostro ordinamento dalla legge 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità 2013), quale nuovo e unico strumento di tutela riconosciuto a creditori titolari di diritti reali di garanzia su un bene che sia stato confiscato in via definitiva nell’ambito di un procedimento di prevenzione. 

 

Leggi tutto

News

La consecuzione del fallimento al concordato preventivo di Tommaso Iannaccone

Il secondo comma dell'art.69-bis l.fall. non si limita a sancire espressamente il principio, di elaborazione giurisprudenziale, della consecuzione delle procedure di concordato preventivo e fallimento, applicandosi anche ad ipotesi in cui, in passato, era pacificamente esclusa la retrodatazione del periodo sospetto legale.

Leggi tutto